Google Analytics

Lettori fissi

martedì 18 giugno 2019

Intervista : Serena Baldaccini, nata sotto il segno dell'arte



Serena Baldaccini

Serena Baldaccini è una artista nel senso molto ampio del termine in grado di comunicare contenuti interessanti. Un piacere parlare con lei per questa intervista in cui la sua personalità eclettica emerge preponderante svelando una persona ricca di valori che condivide con chi ha la fortuna di conoscerla.
Iniziamo l'intervista e scopro che è Lucchese, una città fertile dal punto di vista storico, culturale, musicale e artistico.
Le dico: Serena sei una Visual artist che si esprime con la macchina fotografica ma affermi di non essere una fotografa, come nascono le tue opere definite Fantasy su soggetti reali?
"Premetto che solitamente Fantasy sono opere realizzate completamente in digitale e non sono ciò che realizzo io. Le mie opere sono Fantasy su soggetti reali, il mio mezzo per realizzarle è la macchina fotografica che attraverso l'obiettivo mi permette di fissare lo scatto che diventerà la scena reale su cui intervenire con la pittura digitale e portare a compimento l'opera. I miei scatti hanno bisogno di poca luce, i colori che vengono fuori nell'opera sono estratti con una tecnica mista molto personale, una via di mezzo fra il mondo della fotografia e il mondo del Fantasy che unisce tecnica manuale e digitale."
L'arte è una percezione della realtà, cosa ti sveglia il tuo talento artistico nella quotidiana realtà?
"Sicuramente uno stato emozionale, qualcosa che è fuori e intorno a me che attira la mia attenzione, quasi come se il soggetto mi chiamasse, può essere una foglia o un muro , ad esempio una mia opera è basata sullo scatto di un muro e i colori che ne vengono fuori sono  belli vivaci, la mia curatrice Maria Grazia Todaro gallerista e critica d'arte che recensisce il mio lavoro mette in evidenza l'uso particolare  del colore nei miei lavori. In definitiva è uno stato emozionale che mi provoca una reazione."

Serena Baldaccini

Sei testimonial di Fatality Brand, parlamene?
"Fatality Brand è un marchio di abbigliamento ed accessori che ha scelto me come  testimonial insieme anche ad altri personaggi famosi fra cui Fabio Perversi dei Matia Bazar per i quali è stata realizzata una maglietta limited edition del singolo " È primaveramore" indossata dal maestro in varie situazioni. T-shirt in vendita in vari colori sul sito Fatality Brand. Stefano Padovano è il designer di questo brand giovane, fresco e accessibile molto di tendenza."

Serena Baldaccini

Leggo questa tua citazione tratta dall'articolo sulla testata giornalistica online XXI Secolo, "Io credo che l'arte non nasca dentro di noi, ma che faccia parte di noi.  È nel DNA, un artista non lo si fa, lo si è.  È così che funziona "
Ti chiedo: un artista è consapevole del proprio talento?
" No, non lo è perchè il talento non te lo spieghi, l'artista che lo è e non lo fà,quando realizza la propria opera la guarda con uno sguardo incredulo come se non fosse certo di averla realizzata" le chiedo : ci vuole un occhio esterno per vedere il talento in un artista? "io penso che nessuno abbia questa capacità, nessuno è in grado di definire il talento altrui perchè è un giudizio di gusto e sensibilità personale, non siamo Dio ed ogni individuo recepisce il talento di altri in modi diversi, personalmente in campo musicale percepisco il talento oltre che dalla tecnica dell’artista soprattutto dalla sua capacità di trasmettere emozione ,devo sentire un brivido nell’ascoltarlo, questo è il mio modo di scoprirlo ma come ripeto è un fattore soggettivo che può in tal senso essere contestato"
La tua curatrice Maria Grazia Todaro detiene l’esclusiva delle tue opere è una critica d’arte, gallerista della QueenArtStudio di Padova, come vi siete conosciute? Come è nato questo stretto rapporto di lavoro?
“Il nostro è diventato anche un rapporto di amicizia strettissimo ci siamo conosciute circa cinque anni  fà ma sono stati molto intensi ed è come ci conoscessimo da dieci anni. Maria Grazia è una persona straordinaria, una donna meravigliosa un’artista prima di tutto e una gallerista e critica molto onesta dote apprezzabile in quel tipo di ambiente, lei mi ha conosciuta per un evento ed è lei che ha riconosciuto questa dote artistica in me vedendo delle foto che avevo realizzato per determinate situazioni, lei mi chiese di applicare il metodo su soggetti diversi, io l’ho fatto e le mie opere me le ha portate in mostra a San Pancrazio a Londra, al Louvre, al ballo delle debuttanti a Padova ed in altri ambiti dove lei è presente ed ha scelto di portare le mie opere dopo avere effettuato una selezione fra vari artisti.”

Opera Fantasy su soggetto reale di Serena Baldaccini

Opera Fantasy su soggetto reale di Serena Baldaccini

Conoscendoti potrei affermare che la tua vita è come un vortice che gira intorno all’arte intesa a 360°, ti riconosci in questa definizione?
“Si, il vortice sono io, non quello che mi gira intorno, io sono un ciclone che passa nella vita degli altri velocissima, è difficile starmi dietro”

Serena Baldaccini

Sei general manager della rivista online Almax Star Magazine un progetto che punta completamente sui social network e il web. Il magazine ha un layout innovativo, pieno di colore e calore, fuori dagli schemi, un progetto che porti avanti con la tua più cara amica e socia Alessia Marani della ZataNet. Come nasce l’idea di questa rivista?
“Premetto che sono orgogliosa di avere Alessia come amica, il nostro progetto punta sull’amore che abbiamo per ogni forma di arte con un occhio particolare al mondo della musica. La rivista è sicuramente fuori dagli schemi e non mi sono voluta allineare ai comuni canoni editoriali che mi erano stati consigliati. Sono felice di aver creato un magazine recensito come opera d’arte”

Serena Baldaccini

Il nuovo mondo che si è aperto con la tecnologia digitale e il web può essere considerato una evoluzione della società sia in positivo che in negativo, cosa ne pensi in merito?
“C’è un internet in chiaro e un internet oscuro che cominciamo ora a conoscere per episodi di cronaca brutali, personalmente non amo parlare di questa parte negativa di internet perché gli dà importanza e aiuta a diffondere la parte oscura, io voglio diffondere messaggi di amore e positività quindi mettere in evidenza il bene. Per quello che riguarda il mio lavoro i social network sono una bellissima evoluzione che ci permette di comunicare in tempo reale con tutto il mondo grazie anche alla traduzione istantanea, devo purtroppo ammettere che non tutte le persone sono capaci di gestire i social e rapportarsi ad essi e comportamenti errati o avventati possono provocare serie problematiche.

Serena Baldaccini Tutti dovremmo prestare attenzione ai contenuti che postiamo perché rimarranno nella rete web dando una immagine di noi che innegabilmente sarà giudicata, pensate che le aziende controllano i profili social dei loro potenziali dipendenti. Postare contenuti è come essere in piazza dove tutti ti vedono e ti sentono. Forse dovremmo applicare un decalogo del comportamento corretto sui social, perché tutta questa libertà è dannosa a meno che non tu ti possa permettere il lusso di comportarti come vuoi perché non soggetto ad altri. Personalmente ritengo di saper utilizzare i social e la mia vita privata solitamente non compare, li utilizzo molto per lavoro”
Ho letto che ami particolarmente il periodo storico artistico Rinascimentale, il web può essere considerato un nuovo Rinascimento culturale?

“Assolutamente no, il Rinascimento è un periodo irripetibile e le sue caratteristiche non sono replicabili, questo vale anche per altri periodi storici e anche per il successo, non c’è niente di uguale al mondo, ogni attimo è diverso e la vita è sempre in continuo movimento ed evoluzione. Il web è una evoluzione della comunicazione.”
Serena Baldaccini è Account Executive Manager per Matia Bazar, Project Manager per Thunder Label Germany.

Seguite Serena sui social:

3 commenti:

  1. Intervista, persona ed artista affascinanti: non conoscevo Serena Baldaccini ma credo che meriti proprio un approfondimento! Trovo le sue opere d'arte emozionanti e stupende...grazie x questa bella intervista:è un piacere quando la rete serve a diffondere bellezza!!

    RispondiElimina
  2. Una donna straordinaria Serena che ho il piacere di conoscere anche io e di collaborare con lei. Tu Michela sei davvero fantastica nel trascrivere e trasmettere emozioni raccontando storie e vite di persone popolari e non.

    RispondiElimina