Google Analytics

Lettori fissi

mercoledì 22 maggio 2019

Intervista: Domenico Molino cantautore, "Celtic-soul West-coast" per comunicare speranza e positività


PH: Domenico Molino

Domenico Molino è il tuo nome d'arte?
"Questo è il mio nome anagrafico e anche il mio nome d'arte."
Dove sei nato?
"Sono nato a Milano." 
 Dove vivi?
"Vivo con la mia famiglia nella campagna in provincia di Pavia proprio nel centro fra Milano, Pavia e Lodi."
Leggo in alcune note biografiche che hai 25 anni e da diversi anni suoni strumenti musicali in particolare flauto e pianoforte; quali sono stati o quali sono i tuoi studi o percorsi artistico musicali? 
"Si ho 25 anni, sono nato nel 1993, suono da 15 anni, ho iniziato nel 2004 con il flauto traverso alle scuole medie che avevano un indirizzo musicale e nel pomeriggio due tre volte la settimana facevo lezione di questo strumento e Orchestra suonando un repertorio di musica classica, in seguito come autodidatta ho iniziato lo studio del pianoforte e del canto grazie a delle dritte date da mio padre che è stato ed è un grande musicista, suonava in età giovanile chitarra elettrica, basso in una band rock in Sicilia abbastanza conosciuta. Sicuramente la passione per la musica l'ho ereditata da lui."
Suoni il piano e ami uno stile più moderno rispetto al classico, ci sono pianisti che consideri un punto di riferimento? 
"Per quanto riguarda le mie preferenze fra il classico e il moderno posso dire che non amo molto la musica classica, uno stile che non mi appartiene, sicuramente apprezzo un genere più moderno e in particolare lo stile Folk-rock e Alternative-rock anni '90, comunque mi piacciono gruppi e artisti anche di anni precedenti o attuali. Ascolto molta musica di vario tipo perchè penso sia formativo ascoltare generi diversi. Pianista che considero un punto di riferimento è Ludovico Einaudi che pur facendo musica classica riesce a metterci del moderno e questa miscela si sente ed è molto di impatto, amo l'anima con cui suona e le sonorità che prende." 
Dedinisci il tuo genere musicale "Celtic-soul West-coast", parlamene? Perché hai scelto questa tipologia musicale? 
"Al mio genere musicale non dò un'unica accezione e per questo lo definisco "Celtic-soul West-coast", Celtic-soul perchè amo il sound folk americano e inglese, soul perchè i testi sono abbastanza profondi e riflessivi e tendono a trasmettere un messaggio di speranza, parlano di Dio che per me è la cosa più importante perchè in seguito a delle esperienze che ho avuto per me Dio è la mia speranza e quindi voglio comunicarlo a chi ascolta i miei brani. "West-coast" perchè mi piace molto il sound di questo stile americano che possiamo definire un"alternative-rock". Ho scelto questa tipologia di musica perchè musicalmente mi trasmette tantissimo e mi identifica, la fusione dei miei testi con questo sound stanno bene insieme e sono molto di impatto."


PH: Domenico Molino
PH: Domenico Molino

Ti esibisci da tanto tempo in ambienti Gospel-Evangelico, perché questa scelta?
"Sono più di dieci anni che mi esibisco in questo ambiente, io sono Cristiano Evangelico che non è una religione ma una fede ma preferisco definirmi Cristiano. La scelta di esibirmi in questi ambiti deriva da una mia esperienza fatta con Dio in età adolescenziale, periodo in cui soffrivo di una forte depressione, ogni volta che tornavo a casa dopo una uscita con gli amici la sera mi sentivo vuoto e una profonda angoscia mi assaliva e mi faceva stare male, sin da piccolo ho sempre avuto una sensibilità particolare e questi continui stati d'animo non mi facevano vivere bene, i miei genitori erano già credenti ma a me non importava anche se loro mi parlavano di Dio e del suo amore per me e per ogniuno di noi. Ho continuato a fare finta di niente anche se in fondo sapevo che Dio esisteva fino a quando una sera ho pregato con le mie parole ed ho chiesto a Dio di aiutarmi e liberarmi da questa depressione che avevo e se lui ci fosse stato veramente di farsi sentire, in quel momento ho sentito forte la sua presenza e la pace, ho sentito come un abbraccio e da quel momento non ho più avuto la depressione, ne l'angoscia, la mia felicità era piena non dipendeva più dalle circostanze ne dalle cose che avevo intorno o da quello che accadeva ma era una felicità costante nonostante le difficoltà perchè avevo qualcuno in cui confidare che mi proteggeva ed era al mio fianco , per questo motivo il mio talento l'ho voluto mettere a frutto per Dio e nella chiesa che frequento in cui canto, suono il piano e in un coro Gospel." 
I tuoi testi sono sempre di ispirazione sacra?
"Cerco sempre di trasmettere un messaggio spirituale nei miei testi che faccia bene all'anima delle persone, che porti pace e positività perchè credo che la salute spirituale sia molto importante forse anche di più che di quella fisica, quindi avendo trovato personalmente la pace in Dio quello che voglio è comunicarlo a chi mi ascolta."
Ci sono artisti Italiani o internazionali che ascolti e a cui ti ispiri o vorresti collaborare e duettare su un palco?
"Fra gli Italiani ammiro molto Elisa, mi identifico molto nel suo sound sin dagli anni '90 quando ha iniziato con il suo primo album nel 1997, mi piacciono le sonorità che prende e come usa la voce, posso dire che musicalmente prendo molto spunto da lei. A livello internazionale moltissimi mi piacciono fra cui Radiohead, Eagles, Oasis."
Ti piacerebbe provare nuovi generi musicali?
"Mi piace sperimentare nuovi generi musicali per non fossilizzarmi troppo su un unico genere ma non amo discostarmi troppo dal mio perchè sarebbe snaturare la mia musica, mi piace mantenere comunque almeno un elemento del mio sound riportandolo in uno stile leggermente diverso, fare ad esempio del Pop-rock, Blues-rock, mantenendo quella vena di sottofondo rock che fa da legante a tutti i generi." 
PH: Domenico Molino

Parlami dei tuoi progetti musicali realizzati?
"Fra i miei progetti realizzati c'è un album di cover di gruppi americani e inglesi  con brani del genere Alternative-rock cristiano, collaborando con altri artisti amici presenti in questo album che si chiama "Alleluia" uscito nel 2017 presente in tutte le piattaforme digitali. Il mio primo singolo è uscito a Febbraio 2019 e il titolo è "Al mattino" passato in radio Limitesintonia e presente in tutte le piattaforme digitali. Spero entro un paio di mesi di far uscire il mio nuovo singolo."
Come nasce il tuo brano "Al mattino"?
"Il mio brano "Al mattino" come altri singoli che usciranno sono nati da un periodo di contemplazione di cose semplici che mi circondano e sono intorno a tutti noi che spesso diamo per scontate come l'alba, l'inizio di un nuovo giorno che reputo sia un dono da non dare per scontato, ogni giorno che nasce è la metafora di un nuovo inizio, nella creazione e nella natura io vedo la grandezza di Dio che ha creato tutto l'universo ed ha creato anche me che sono così piccolo rispetto al creato ma sò che se lo invoco lui mi ascolta come dice anche il coro nel brano e questa è stata la mia ispirazione per questo canzone." 



Cosa pensi dei talent? Sono utili alla carriera o un arma a doppio taglio?
"Non sono a favore dei talent perchè io sono un amante dell'anima e della musica con la M maiuscola e i programmi tendono sempre a sfornare dei prodotti commerciali che vendano, quindi devono promuovere degli artisti che vendono, non dico che non diano importanza al talento però spesso ci sono dei talenti veri che vengono scartati a discapito di artisti meno talentuosi ma più commercialmente adatti al target giovanile di adesso. Per un artista un talent può rivelarsi anche una dolorosa delusione."  
I social ti sono utili? Quali utilizzi?
"I social sono molto utili se usati correttamente perchè permettono di farsi notare e di promuovere la propria musica, permettono di raggiungere chiunque in maniera molto immediata essendo alla portata di tutti. Personalmente uso Instagram, Facebook e la mia musica è su tutte le piattaforme digitali come Spotify, Deezer, You Tube ecc."
Progetti futuri?
"Ci saranno in uscita nuovi singoli, continuerò la mia collaborazione con Limitesintonia che reputo una bella realtà genuina." 


Facebook
@domenicomolinofficial
Profilo Instagram: domenicomolino_official


mercoledì 1 maggio 2019

Intervista: J. C. un talento del Rap

PH: J.C.

J. C. è il tuo nome d'arte, suppongo abbreviazione del tuo vero nome Aka Jean Claude.  Leggo in alcune note biografiche che sei nato  nel Ferrarese, dove?
" Sono nato a Codigoro, provincia di Ferrara".
Quanti anni hai ? 
"Ho 24 anni, sono nato nel 1994".
Come descriveresti la tua vita fino ad oggi?
"La mia vita fino ad ora la descriverei incasinata, piena di attività, avventure belle e brutte, momenti tristi, successi meno numerosi degli insuccessi, ma comunque tanto lavoro soprattutto negli ultimi periodi".
Le tue origini domenicane pensi abbiano influito sulla tua musica? 
"La mia metà di sangue latino in genere aiuta sul tempo e sul ritmo, in effetti me la cavo bene anche nel ballo, diciamo che mi permette di sentire il ritmo della musica naturalmente innato".
Ascolti vari generi musicali, Pop, Electro, Reggae, Dubstep, Afro, Rap; il tuo primo inedito "Killer bomb" è un Rap, perché hai scelto di  esprimerti in questo genere? 
Mi  risponde che pur amando anche altri generi musicali ha scelto il Rap perchè è un genere più diretto, con meno filtri in cui la velocità del parlare agevola una maggiore comunicazione di contenuti ed è una tipologia musicale che esprime al meglio la società contemporanea improntata sulla velocità di azioni e veicolazione di contenuti; un genere che esprime anche con l'immagine e l'atteggiamento un modo di essere e pensare.
" Esattamente quello che penso".
 In futuro sperimenteresti altri generi? 
"Certamente si, già in ogni pezzo che faccio inserisco sonorità diverse, esempio in "Killer bomb" ho utilizzato dei ritmi reggae, mentre nel prossimo brano ci saranno suoni più Hip Hop e più marcatamente Rap, nel terzo pezzo in lavorazione le sonorità sono più Dance; il mio modo di cantare sarà sempre improntato sul Rap con ritornelli melodici perchè così mi piacciono i miei brani, cambierà sempre la parte musicale e l'impostazione vocale". 
Segui o hai seguito un percorso di studio artistico musicale?
"Non ho seguito un percorso di studi musicali ma sono un autodidatta, scrivo la mia musica e i testi".


PH: J.C.

Il testo "Killer bomb" è molto  forte, ha origine dal tuo vissuto?
Mi risponde che quello che scrive viene rielaborato e adattato musicalmente, ma trae origine da situazioni o pensieri che appartengono al suo vissuto: " in genere il pensiero interno è tutto mio e quando lo scrivo è perchè sicuramente l'ho provato, l'ho pensato e a volte anche solo per un attimo l'ho pensato e mi è rimasto nella testa ma comumque l'ho vissuto".
Sei cantautore o interpreti anche testi altrui?
"Sono cantautore ma interpreto anche testi di altri", questo "accade con una mia amica con cui mi esibisco in giro nella mia provincia. Con lei interpreto altre canzoni ma preferisco cantare la mia musica" e mi spiega che artisticamente pensa di esprimersi al meglio come cantautore. 
Hai sempre desiderato una carriera musicale? 
"Sinceramente no. Se penso ai miei anni delle medie in cui si faceva musica io la odiavo non mi piaceva" continua raccontando che " soltanto nel periodo dell'adolescenza verso i 16 anni quando ho iniziato ad approcciarmi alla musica ascoltando brani Pop e poi Rap ho anche iniziato a cantare e suonare ed ho capito che riuscivo a esprimermi con il Rap, ho continuato a fare musica, a fare esperienza  ma senza pensare di farne una carriera, solo adesso mi interessa". 
In "Killer bomb" emerge un disagio interiore, sentimenti estremi come autodistruzione, scrivere di questa realtà ti spinge a risolvere questo senso di oppressione, a fare chiarezza nei tuoi sentimenti?
"Killer bomb non è che risolve questa oppressione ma la sdrammatizza, i problemi ci sono pensando ad un futuro molto incerto e realmente brutto, si pensa ad un mondo utopico che così non è, questo mi fa arrabbiare".

Cosa vorresti trasmettere di te ai tuoi fan?
"Vorrei che i miei fan cogliessero nella loro vita le cose che nella mia musica rispecchiano le loro compreso il piacere di ascoltarla".
Nel panorama italiano e internazionale ci sono artisti a cui ti ispiri e con cui ti piacerebbe esibirti?
"La prima persona a cui mi sono ispirato è Fabri Fibra che considero la punta della piramide, poi Emis Killa, Gué Pequeno, Marracash, mi piacerebbe esibirmi con loro ma non mi faccio illusioni. Ci sono voci femminili con cui mi piacerebbe duettare come Giorgia ed Elisa e fra vari artisti con cui mi piacerebbe collaborare anche Marco Mengoni che ha un genere e una voce che mi piace molto". 
Hai mai partecipato a  un casting per un talent?
"Ho partecipato ad un concorso canoro insieme ad una mia amica portando una rielaborazione di un mio brano, anche se non siamo passati comunque è stata una esibizione molto particolare ed unica nel genere". 
Quale opinione hai in merito ai vari form di talent, pensi siano utili realmente alla carriera o possono essere un arma a doppio taglio? 
"Non sono a favore dei talent, non mi piacciono e non li apprezzo per vari motivi" parlando mi spiega meglio il suo pensiero e dice "prendono persone spingendole su un palco senza avere nessuna esperienza e se non hai carattere la tua carriera finisce prima di iniziare, se diventi famoso e comunque non hai alle spalle quella gavetta che gli artisti famosi fanno non sei in grado di sopportare il successo. In definitiva posso dire che i talent attualmente danno visibilità ad un artista ma non sono la soluzione per la sua carriera se dietro non c'è un vero talento e non sempre emerge l'artista migliore.  Penso che tutta questa musica proposta in definitiva penalizzi gli artisti di talento che non hanno la possibilità di entrare in questo meccanismo e finisce per abbassare la qualità della musica proposta al pubblico. Poi alcuni artisti che sono usciti dai talent hanno veramente talento tipo Alessandra Amoroso o Elodie ma sono una minoranza".
Che rapporto hai con i social?
"Sono medio attivo sui social e li utilizzo per pubblicizzare la mia musica e farla sentire, il brutto è che portano via un sacco di tempo, non mi espongo con la mia vita privata ma solo per comunicare le novità a livello musicale, non mi piace essere troppo invasivo postando spessissimo". 
Quali i tuoi social preferiti? 
"Utilizzo Facebook con una mia pagina, Instagram e il mio canale You Tube che sto cercando di riempire con la mia musica".
Progetti futuri?
"A metà o fine Maggio 2019 uscirà una nuova canzone, poi dovrei partecipare a un concorso della mia Regione. Ho in lavorazione un nuovo brano, devo arrivare a 4 pezzi per far uscire un EP. Vorrei fare anche un CD non ufficiale per chi ama la scena Rap underground. Stò pensando anche ad una collaborazione con una cantautrice che è colei che mi fa anche i video e in fase embrionale potrebbe esserci una ipotetica iscrizione a Sanremo".




Seguite J. C. sui social
You Tube 
Pagina Facebook


martedì 2 aprile 2019

Toscana bella ovunque : Oasi Lipu Massaciuccoli Lucca

PH: Michela Vannucci

In una assolata domenica Marzolina abbiamo deciso di portare nostra figlia in un luogo particolare e sicuramente educativo per lei e per noi. La frenetica vita quotidiana in questo luogo si ferma per riprendere i ritmi della natura e far riscoprire il piacere di passeggiare sull'acqua, camminando su ponteggi di legno a palafitta immersi in una distesa di canneti che terminano sulla piatta distesa di acqua del lago di Massaciuccoli in provincia di Lucca.  Il luogo di cui sto parlando è l'Oasi della Lipu che protegge questo piccolo ecosistema lacustre abitato da molte specie di volatili e pesci. Il lago di Massaciuccoli è stato nel secolo scorso luogo di battute di caccia, anche Giacomo Puccini amava l'attività venatoria e questo lago dove aveva anche una splendida villa sulle sue rive. Ad oggi per fortuna l'attività venatoria è stata sostituita almeno in questa oasi dall'osservazione delle specie animali dagli ex capanni di caccia e l'unica cosa che punta gli animali sono gli obiettivi delle macchine fotografiche e dei binocoli. Una rete di camminamenti in legno su palafitte si snoda fra i canneti portando ai capanni di osservazione. La passeggiata si svolge nell'arco di un paio di ore in un ambiente silenzioso in cui ha la parola la natura con il fruscio del vento fra le canne, il battito d'ali di trampolieri o altri volatili e vari rumori di animali nascosti nei canneti. Passeggiando sotto un sole caldo ma piacevole di inizio primavera si arriva ad un boschetto le cui specie vegetali attirano le farfalle e anche in questo periodo dell'anno non è stato difficile vederne alcune. Proseguendo il percorso si attraversano gli orti coltivati dai residenti. Nell'oasi è possibile anche affittare canoe per visitare il lago. Varie sono le possibilità di escursione dell'oasi compresa anche la bicicletta, si possono anche prenotare visite guidate e campi estivi per bambini vi consiglio il sito dove trovare tutte le info e gli eventi organizzati dall'associazione. Ricordo a chi volesse fare una semplice passeggiata che l'ingresso all'Oasi è gratuito.
Consiglio di portarvi una macchina fotografica perchè la magia dei riflessi nell'acqua e il paesaggio incantevole sono fonte di ispirazione per amanti della fotografia. 
                    
Galleria fotografica


PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci










PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci