Google Analytics

Lettori fissi

domenica 17 gennaio 2021

Ravioli dolci al cioccolato, dessert goloso di Giovanni Rana

 

PH Michela Vannucci
Alla ricerca di un dessert pronto o veloce da preparare, durante la mia spesa al supermercato nel reparto dei freschi sono stata attratta da brand Giovanni Rana con un nuovo prodotto dal packaging accattivante e veloce da preparare, si tratta dei "Ravioli dolci con cioccolato", la decisione di acquistarli è stata immediata. 








PH Michela VannucciSi tratta di ravioli di pasta fresca all'uovo con cacao magro e ripieno di cioccolato e granella di Nocciole.
La confezione da 250 gr corrisponde a 4 porzioni e all'interno della busta ho contato 17 ravioli.
Sono semplicissimi da preparare, sulla confezione vengono suggerite due modalità di preparazione, fritti o in padella.
Personalmente li ho preparati fritti.
Per evitare che i ravioli si attacchino fra loro nella confezione consiglio di tenerli nel frigo fino al momento della preparazione. 
PH Michela Vannucci

PH Michela Vannucci

Come già detto li ho preparati fritti. 
Versare in una padella dell'olio, io ho scelto semi di Arachidi, quando è bene caldo mettere i ravioli che cuociono velocemente, sulla confezione è scritto un minuto ma personalmente ho notato che quando l'olio è ben caldo ci vuole anche meno tempo di cottura, appena pronti li scolate dall'olio e li mettete in un vassoio con della carta assorbente, poi li potete spolverare con dello zucchero a velo.  

PH Michela VannucciPH Michela Vannucci

PH Michela Vannucci

PH Michela Vannucci

Sono buonissimi, dolci ma non stucchevoli, un piacevole contrasto fra l'esterno croccante e l'interno morbido con un piacevolissimo profumo di cioccolato e Nocciola che si sprigiona all'apertura del raviolo soprattutto quando è ancora caldo. 
Lo ritengo un prodotto ottimo e veloce da portare in tavola, un dessert goloso per molte occasioni. Lo consiglio. 

PH Michela Vannucci

PH Michela Vannucci

lunedì 4 gennaio 2021

Eco sostenibilità del trasporto urbano Made in Italy: Mole Urbana



Foto dal sito Mole Urbana

Eco sostenibilità è la parola cardine per il futuro, una password di cui non potremmo fare a meno per una nuova economia e un nuovo stile di vita. Nasce in questa ottica il progetto di Up Design società Torinese fondata da Umberto Palermo, che a breve sarà realtà, il brand Mole Urbana diverrà nelle intenzioni del suo ideatore simbolo della mobilità di massa, rendendo disponibile a molti il mezzo di trasporto elettrico.

Foto dal sito Mole Urbana


Mole Urbana è un quadriciclo elettrico proposto in tre dimensioni, 

Small lunghezza 3,20 mt larghezza 1,49 mt altezza 1,40 mt, 

Medium lunghezza 3,40 mt larghezza 1,49 mt altezza 1,40 mt,

Large lunghezza 3,70 mt larghezza 1,49 mt altezza 1,20 mt. 

La gamma prevede nella Small e Medium 1, 2 o 3 posti, e nella Large 4 posti. 

Foto dal sito Mole Urbana

Foto dal sito Mole Urbana
Umberto Palermo trova ispirazione per Mole Urbana nel passato, nelle forme delle carrozze di inizio '900, crea un quadriciclo dalle forma cubica, uno spazio ergonomico e ampio con uno stile minimal che si traduce in una plancia dove trovano spazio alveoli porta oggetti in cartone pressato, il volante a forma di cloche e una docking station per collegare il cellulare e avere informazioni su velocità, autonomia residua e consumi.

Foto dal sito Mole Urbana

I fanali sono rotondi e richiamano uno stile retrò. Le ruote sono esterne e collegate ad una dinamo che alimenta i monopattini elettrici in dotazione per ogni passeggero per raggiungere zone irraggiungibili con il quadriciclo. Sarà in dotazione anche il sistema di frenata assistita. Non c'è cofano ma due bauletti esterni nello spazio anteriore e posteriore all'abitacolo per alloggio motore e batteria e cinghie per fermare i pacchi. 
Il quadriciclo ha un motore elettrico alimentato da una batteria che assicura una autonomia minima di 75 Km fino a 150 km. La velocità massima sarà di 50 KM orari.

I materiali scelti per realizzare questo quadriciclo sono vetro ottenuto dal riciclo bottiglie e profilati di alluminio estruso forniti dalla azienda Torinese Ett1, questa scelta industriale evita di utilizzare gli stampi che hanno un costo energetico notevolmente superiore. L'alluminio utilizzato proviene principalmente dal riciclaggio e anche questo permette un risparmio energetico superiore al 90% rispetto al materiale estratto dalle miniere di Bauxite. L'Alluminio è molto leggero, duttile ed ha una grande resistenza alla rottura, agli agenti atmosferici e chimici; è il secondo materiale più diffuso sul pianeta e facilmente riciclabile quindi perfetto per una economia sostenibile. 

Mole Urbana sarà un prodotto 100% made in Italy, con i profilati di alluminio forniti dalla Ett1 di Torino, il powertrain elettrico affidato alla Pretto di Pontedera in Toscana e la distribuzione affidata alla Movim azienda leader nel noleggio. 

Il target di questo quadriciclo sarà ampio perchè potrà essere guidato già a 14 anni con il patentino, ma grazie alle variabili di posti offerta dalla gamma potrà essere adatta anche alla famiglia. La scelta della distribuzione si è direzionata sul noleggio a lungo termine con tariffe variabili in base all'età del guidatore e all'uso di una App specifica che aiuterà nella guida. Si prevede un noleggio dal costo mensile minimo di 250 Euro. Mole Urbana potrà entrare nelle zone ZTL e isole pedonali delle città.

venerdì 25 dicembre 2020

Un Natale positivo


Riflettevo su questo 2020, un anno catastrofico che ha stravolto completamente la vita quotidiana di miliardi di persone, tutte le nostre certezze acquisite negli anni si sono vanificate, tutte le nostre usanze e atteggiamenti che erano considerati buona educazione e manifestazione di affetto si sono trasformati in un micidiale mezzo per trasmetterci il contagio. Il Covid19 si è impossessato della nostra vita e il termine  positivo che ha sempre avuto una accezione bella e propositiva si è trasformato in una parola negativa portatrice di cattive notizie e sventura. Oggi è Natale e nonostante tutta la pesantezza di questo anno vorrei augurare sinceramente a tutti un futuro migliore del passato in cui la prosperità la giustizia il rispetto e la serenità sia per tutto il pianeta e per tutti coloro che lo abitano. Auguro a me stessa e agli altri di migliorare ed imparare ad evolverci per far parte di un nuovo mondo. Questa pandemia spero ci insegni a capire e non dare per scontato ciò che veramente conta, gli affetti sono la vera ricchezza, i beni materiali si possono perdere e riacquisire ma non una persona scomparsa a cui siamo affettivamente legati. Voglio vedere un futuro migliore e auguro a tutti un Natale positivo sperando che questa bellissima parola riacquisisca il suo significato originale.





martedì 24 novembre 2020

Tupperware brand antesignano nell'eco sostenibilità

 

PH: Michela Vannucci

"Riduci gli sprechi, ricicla e riutilizza" questa frase racchiude la mission aziendale di Tapperware da sempre attenta alle problematiche dell'eco sostenibilità anche in tempi in cui questa esigenza diciamo non era sentita anzi l'economia viaggiava in senso opposto rivolto al consumismo sfrenato e all'usa e getta, un modo di produrre e consumare che in pochi decenni ha prodotto disastri ambientali difficili da bonificare.

Come dicevo Tapperware è antesignana nel promuovere stili di vita e prodotti all'insegna della sostenibilità ambientale che permettano di rispettare il pianeta che ci ospita e produrre oggetti durevoli nel tempo e riutilizzabili, spinge verso un uso consapevole delle materie prime riducendo gli sprechi alimentari. 

La mission aziendale è perseguita con tenacia attraverso lo studio di contenitori che servono in cucina per cuocere, conservare, riordinare gli spazi sia a temperatura ambiente come al freddo o gelo degli alimenti in modo da mantenerli correttamente e igienicamente intatti fino al loro consumo.

Tutti i contenitori hanno un design funzionale ed esteticamente piacevole, sono facilmente lavabili e con chiusure perfettamente ermetiche, leggeri e maneggevoli, facili da trasportare. 

PH: Michela Vannucci

Tapperware ha saputo mantenere il gusto della cucina tradizionale portando innovazione per cucinare velocemente anche più pietanze contemporaneamente nel microonde.

Casseruole e pentole a pressione sono spesso versatili nell'uso e studiate appositamente per la cottura nel forno a microonde. 

Attrezzature per cucinare dolci, salati o per decorare, realizzati in silicone o materiali plastici di prima qualità come plastiche di riciclo e prive di BPA, qualsiasi materiale utilizzato proviene sempre da fonti sostenibili.

I prodotti Tapperware al termine della loro vita acquistano nuova funzionalità rientrando nel ciclo produttivo come nuovi materiali per creare oggetti di utilità quotidiana, come la linea Recycle, porta bottiglie, lava vetri, srotolo con design funzionali e moderni.

Sfogliando il catalogo troviamo tutto ciò che è utile in una cucina, anche attrezzature che servono per miscelare e impastare ma che non hanno bisogno di energia elettrica, molti contenitori che con i loro coperchi colorati danno allegria nelle dispense, nei frigoriferi e freezer. Le loro forme sono attentamente studiate per ottimizzare gli spazi in tutte le dimensioni, funzionalità, ordine e igiene sono garantiti. Attenzione per gli alimenti e profonda conoscenza della loro conservazione originano contenitori per ogni tipologia alimentare come i contenitori per far respirare gli ortaggi. 

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

Infine Tapperware non poteva ignorare le  attività fuori casa e all'aperto e anche in questo caso proporre contenitori di vario genere adatti all'asporto di cibi cotti e crudi e bevande fredde o calde.

Ho ricevuto in regalo due prodotti tapperware che vi descrivo, sono una borraccia e un contenitore per asporto di alimenti o conservazione in frigo o freezer.

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

La borraccia ha un tappo a scatto in resistente materiale plastico che è perfettamente sigillato da chiuso, la forma è ergonomica garantendo una perfetta presa, è leggera quindi ottima da trasporto. Esteticamente piacevole anche nel colore, materiale plastico trasparente. Adatta per acqua e altre bevande fredde e non gassate.

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

Contenitore per asporto cibi, rotondo a forma di ciotola con manico per una presa perfetta, adatto anche a cibi liquidi grazie al coperchio con chiusura perfettamente ermetica. Esteticamente piacevole nella colorazione, robusta plastica la ciotola e materiale plastico più flessibile il coperchio ermetico.

I prodotti tapperware sono ordinabili da catalogo attraverso concesssionari di zona.

Per ordini in provincia di Lucca e Pistoia potete rivolgervi a Alessia Bernardini consulente per queste zone. 

Cel. 333 2183762

Pagina Facebook Tapperware love

giovedì 12 novembre 2020

Pappa d'Aglio di nonna Adele, un ottima ricetta per prevenire e alleviare i sintomi influenzali

PH : Michela Vannucci


PH : Michela Vannucci

In questo periodo autunnale con molti sbalzi di temperatura chi soffre di dusturbi legati all'apparato respiratorio paga lo scotto annuale con tosse raffreddore laringite sinusite e vari sintomi influenzali. Anche io appartengo a questa categoria e ogni anno mi trovo in situazione di disagio e quest'anno di pandemia Covid19 ancora di più.  
Per questo voglio consigliarvi questa ricetta che mi ha fatto assaggiare una mia amica che l'ha imparata dalla nonna di suo marito. 
Nonna Adele era nata e cresciuta in Garfagnana provincia di Lucca terra ricca di tradizioni e antiche ricette.

PH : Michela Vannucci

Gli ingredienti sono semplici e permette di usare il Pane raffermo evitando gli sprechi alimentari.
Questi gli ingredienti per 2 persone:

500/600 ml di brodo di carne
2 spicchi d'Aglio
Mezzo cucchiaino di Origano secco
Peperoncino macinato q.b.
1 pomodoro ciliegino
6 fette di pane raffermo

PH : Michela Vannucci

Mettere tutti gli ingredienti in una pentola e fate bollire per circa 5 minuti fino a che l'Aglio non si ammorbidisce e il pane raffermo non diventa una pappa.
Servire caldo.

PH : Michela Vannucci

Se volete potete sostituire il pane raffermo con dei Canederli e il brodo di carne può essere sostituito da quello vegetale secondo i vostri gusti. 
Attenzione alla quantità di peperoncino che si sente molto nel brodo, personalmente ne ho usato pochissimo, un pizzico appena.
Ricetta adattissima nelle serate fredde Autunnali e Invernali, con il pregio di essere velocissima da preparare.

PH : Michela Vannucci

Ho voluto segnalarvi questa ricetta che voglio precisare non è una sostituzione di cura farmacologica ma semplicemente un coadiuvante per migliorare e prevenire gli stati influenzali grazie alle virtù terapeutiche dell'Aglio antibiotico naturale antisettiche del Peperoncino e  dell'origano che per le malattie respiratorie ha una potente azione antinfiammatoria, antibiotica, antisettica e antispasmodica.
Termino augurandovi buon appetito



 

domenica 1 novembre 2020

Nicola Angelo Pezzoni racconto di un poeta

PH: Nicola Angelo Pezzoni

Ho già avuto modo di parlarvi di Nicola Angelo Pezzoni in questo articolo. Torno a parlare di questo giovane poeta Bergamasco nato il 22 Novembre 1986 che molti premi e riconoscimenti ha avuto, per presentarvi le sue nuove opere editoriali. 



Gli chiedo perchè ami scrivere in versi poetici e se ci sono altre forme di arte che gli piace sperimentare. Mi risponde con disarmante semplicità:

"Nella vita amo scrivere poesie perché come già sapete è un modo per buttare fuori quello che si ha dentro ed anche per esplorarsi interiormente"

continua rispondendo: "Sono anche cambiato oltre a scrivere poesie mi sono  appassionato di fotografia di paesaggi e mi piace cantare"

Ho saputo che hai partecipato ad un programma televisivo, vuoi parlarmene?

"Sono stato a Striscia La Notizia nel pubblico e questo mi ha permesso di conoscere  personaggi importanti nel campo dello spettacolo, è stata una bellissima esperienza."


Hai pubblicato diverse opere che voglio citare prima di far conoscere le nuove poesie, "Dipingiamoci sul cuore arcobaleni", "Le ali della vita", "L'armonica natura" e "Ali cuorite".


Passiamo a far conoscere le nuove poesie, che traggono ispirazione dall'osservazione della natura, dei colori delle stagioni, dalla luce. Il suo sentire interiore fornisce l'imput per fermare in versi i suoi desideri, i suoi sogni le sue visioni, per aspirare ad una realtà molto diversa da quella della società moderna, il desiderio di un vivere più lento, attento ai particolari e ai sentimenti verso gli altri, riappropriarsi della capacità umana del vivere l'attimo fuggente.

GIRASOGNI INCUSTODITI

Visionerei

un inesorabile

incustodito

sogno.

 Armonico tramonto

d’un pensiero

agguerrito 

infinito.

    ILARITA’ D’UN RISO

                                                     Vagai con l’idea d’un domani 

                                                      con mille mani attorno a noi 

                                                           per non spegnersi mai 

                                                          i sogni son parte di voi   

                                               TRAMONTI

Tramonterei

quell’infinito

orizzonte.

Scruterei

colore

armonico.

SORRIDENTE

STELLANTE

                                                                    Solari

                                                                   lampioni

                                                                  d’armonici

                                                                 girasoli pieni

                                                              di luci platonici.

Se volete seguire Nicola Angelo Pezzoni e rimanere aggiornati sulle sue opere seguitelo sui social 

Facebook 

giovedì 15 ottobre 2020

#Pandemictree e Semina un albero con Emilio, due eventi per il benessere del pianeta

PH: Michela Vannucci

#Pandemictree e Semina un albero con Emilio sono due eventi a cui partecipare con estrema facilità e che aiuteranno la salute del pianeta e quindi anche quella di chi lo abita. La sottoscritta tramite Passaparolablog e le proprie pagine social promuove questi due eventi nell'ottica di informare e diffondere messaggi eco sostenibili e di risanamento del pianeta attraverso comportamenti virtuosi e una nuova economia. Sappiamo che è già in atto un cambiamento climatico che sta sempre più sconvolgendo gli equilibri del pianeta e delle sue forme di vita, l'aumento della temperatura terrestre dovuto alla concentrazione di alti tassi di anidride carbonica nell'atmosfera a causa delle nostre emissioni industriali e non solo, in combinazione con uno sfrenato e scellerato uso del suolo, il selvaggio disboscamento potrebbe portare all'estinsione della nostra civiltà e delle altre forme di vita. Dobbiamo invertire la rotta e lo dobbiamo fare tutti su vasta scala. Come e cosa possiamo fare? Il problema ovviamente va affrontato sotto molteplici punti di vista, consumi, abitudini di vita, trasporti, nuove energie tutto implica un nuovo modo di vivere che dobbiamo imparare e mettere in pratica velocemente. 

Per frenare l'aumento della temperatura della superficie terrestre giocano un ruolo importantissimo i boschi e le foreste ed è provato scientificamente che gli alberi sono in grado di abbassare la temperatura del pianeta di 1,5 gradi oltre a regolare l'azione delle piogge impedendo il dilavamento del suolo e il conseguente dissestamento idrogeologico, per cui un'azione semplice come quella di piantare o seminare un albero ha un valore enorme per il pianeta sopratutto se fatto su vasta scala. 

Stamani ho deciso di passare dalla teoria ai fatti ed ho raccolto e seminato i miei primi spero futuri alberi, seminare insegna la pazienza, aspettare anche mesi la loro germinazione sempre che il miracolo della vita avvenga. Ho preso i semi da una gustosa Mela Golden, da un Limone, e dai chicchi di Uva Italia.

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci


PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

Per la semina ho seguito i consigli dell'agronomo Emilio Bertoncini. 
Ho utilizzato i vasetti dello yogurth forandoli con una forbice sul fondo per creare il drenaggio per restare in tema di riciclaggio. 

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

Ho scritto sui vasetti con un pennarello indelebile la tipologia di seme la quantità e la data di semina in tal modo i nostri potenziali futuri alberi avranno una sorta di anagrafe di nascita e potremmo assegnare loro anche un nome in ricordo di un evento come esempio l'albero della Pandemia #Pandemictree.
Ho utilizzato del terriccio universale e messo a dimora i semi ad una profondità di circa 1 cm bagnando il terriccio. 

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

I semi piantati sono stati posti all'aperto su una superficie senza ristagno di acqua dove gli eventi atmosferici come freddo caldo umidità soleggiamento forniranno le giuste informazioni per nascere, non mi rimane che attendere se il miracolo della vita avverrà.

PH: Michela Vannucci