Google Analytics

Lettori fissi

mercoledì 19 giugno 2019

Intervista: Roberto Rajmondi la musica nel suo DNA


PH: Sebastiano D'Ippolito Tamburo

Leggo dalla tua biografia che sei nato a Cefalù e vivi in Svizzera.
Cosa ti ha portato a lasciare la solare Sicilia per andare
oltralpe?
"Purtroppo la piaga che ha colpito questa generazione cioè la mancanza
di un lavoro. Anche mio padre negli anni 60 ha dovuto emigrare
dalla sua terra per lo stesso motivo."
La musica ha iniziato a far parte della tua vita fin da piccolo
grazie a tuo padre che suonava in un gruppo Folkloristico, di
che anni stiamo parlando?
Che ricordi ti sono rimasti impressi di quel periodo?
"Mio padre continua a suonare col suo gruppo folk ancora oggi, ma io
iniziai piccolissimo, stiamo parlando della prima metà degli anni
90. Col folk ho iniziato a conoscere e ad amare la musica in tutte le
sue forme. Ricordo che da piccolino suonavo la “quartara”
(strumento tradizionale siciliano), non è altro che un otre di
terracotta, che soffiandoci dentro produce un suono che funge
da basso."


PH: Sebastiano D'Ippolito Tamburo

Suoni chitarra, tromba, mandolino, basso, piano, fisarmonica,
flauto e percussioni, sono tantissimi strumenti, quale percorso
artistico musicale hai seguito o segui?
"Diciamo che tramite la tromba mi approcciai, oltre che alla musica
pratica, alla teoria musicale, iniziando così a studiarla. Ho suonato
per diversi anni nella banda musicale del mio paese, ma per quanto
riguarda gli altri strumenti sono un autodidatta con un buon
orecchio musicale. Ovviamente cerco sempre di migliorarmi
acquisendo e studiando nuove tecniche, scale, fraseggi, sempre da
autodidatta."
Ami la voce di Freddie Mercury, il rock di Bruce Springsteen e
la musica italiana di Fabrizio De André e Mauro Pagani, questi
artisti con generi musicali molto diversi hanno influenzato la
tua musica?
"Beh si, i Queen sono stati la mia adolescenza, mi hanno
accompagnato durante tutta quella fase. Di loro ho anche amato la
complessità dei loro arrangiamenti, l’aver integrato la musica
operistica nel rock e poi Freddie, la sua vocalità mi è sempre
vibrata dentro, ancora oggi ascoltandolo mi emoziona tantissimo.
De André e Springsteen sono arrivati dopo, nel periodo
universitario, in Fabrizio le intensità dei testi, gli arrangiamenti etnici
e il calore della sua voce e ovviamente le sue ricerche musicali mi
hanno come illuminato, come se tutto quello che cercavo e avevo
bisogno di sentire fosse tutto lì; mentre Springsteen è
un’esperienza coinvolgente, riesce a parlarmi dentro; tutto quello
che canta e il come lo canta riesce a toccare le mie corde emotive come
probabilmente nessuno è mai riuscito a fare semplicemente cantando
una canzone."


PH: Sebastiano D'Ippolito Tamburo

In quale genere musicale ti riconosci?
"Amo tantissimo il rock, ma il folk è un genere che ritengo mio."
Ti piace sperimentare altri tipi di musica?
"Certamente mi ritengo molto eclettico anzi amo sperimentare."
Sei cantautore, interprete o entrambi?
"Credo di essere un po' entrambi, ma il rapporto che ho con la
musica che compongo è molto diverso da quella che va interpretata."
Nel 2008 esce "Profumo" un album di inediti, le due canzoni
con le quali hai partecipato alle selezioni di Sanremo
arrivando agli ultimi turni provengono da questo album?
"Si, i due brani sono esattamente “Tra i pensieri miei” e “Andare”, ed
è possibile ascoltarli su Spotify."


PH: Sebastiano D'Ippolito Tamburo

Parlami dell'album "Profumo".
"Profumo nasce un po' per gioco. Io e Alberto volevamo provare a
registrare un disco “professionale” completamente fatto in casa e
così è stato. Grazie a Profumo ci siamo approcciati per la prima
volta al mondo dell’home recording. Ho un bellissimo ricordo di
quel periodo."
L'esperienza Sanremese cosa ti ha lasciato?
"Mi ha aperto gli occhi su un mondo che avevo sempre sognato, ho potuto
conoscere e vivere l'atmosfera Sanremese, rendendomi consapevole della sua complessità. Nel mondo dello spettacolo purtroppo non basta avere il talento."
Cosa pensi dei vari format di talent? Sono utili per emergere o
possono essere anche dannosi per la carriera?
"Ho da sempre pareri molto contrastanti sui talent, quello che però
sicuramente stiamo vedendo tutti in questi anni è che sforna in
continuazione nuovi “talenti” che poi spariscono e questa cosa mi
lascia sempre molto perplesso."


PH: Sebastiano D'Ippolito Tamburo

I social sono importanti per un artista?
"Ormai oggi i social sono importanti per chiunque. Sicuramente hai
un accesso velocissimo ad un pubblico. Guarda, io fino a tre mesi fa
non avevo un profilo artistico social; per cominciare a
sponsorizzare il mio nuovo lavoro ho dovuto creare i miei canali e
nel giro di pochissimo tempo ho raggiunto quasi 1000 follower. E
se ci pensi è incredibile, quanta gente io abbia potuto raggiungere
stando comodamente seduto sul divano di casa mia. Sicuramente
le potenzialità dei social sono veramente enormi, ma allo stesso tempo
è un potere molto fragile."
Il 10 aprile 2019 è uscito "Cenere e vino" nuovo album le cui
canzoni registrate nel 2018 sono scritte dall'amico Alberto
Culotta. Parlami di questa collaborazione.
"Io e Alberto ci conosciamo ormai da una vita lo ritengo un fratello e
un grande amico. Sono anni che componiamo insieme e molte
canzoni di "Cenere e vino" sono brani che abbiamo composto nel
corso di anni. Ci sono canzoni all’interno del disco che hanno quasi 10
anni, quindi belle datate. Diciamo che siamo molto compatibili
musicalmente e che è sempre bello poterci ritrovare per scrivere
qualcosa insieme."


Roberto Rajmondi :Fotogramma del videoclip "Cento volte"



Parlami del brano "Cento volte". Ho letto la tua descrizione:
"Cento volte" sono le parole di odio e amore che un ragazzo
rivolge al suo paese natale. Piccolo ma splendido, promettente
ma frustrante, famosa mèta turistica ma senza alternative, che
lo costringe ad allontanarsi per trovare altro. Il paese continua
a cambiare senza davvero cambiare mai - e senza che questo
sia giudicabile come bene o male. Eppure quel paese conosce
bene il ragazzo, perché è lì che il ragazzo è nato è cresciuto.
Anche se non vuole ammetterlo lui _è quel paese_. E cento volte
ancora tornerà a fare i conti con lui"
Il brano sembrerebbe fortemente autobiografico, la tua terra
quanto ti manca? Torneresti a vivere in Sicilia?
"La Sicilia mi manca tanto, non è mai bello lasciare la propria terra
forzatamente. Quello che io e mia moglie stiamo cercando di fare al
momento è di costruire qualcosa in un paese straniero, perché
quando sei lontano da casa devi ricominciare da zero e sicuramente
non è facile, ma piano piano e con tanti sacrifici ci si riesce. "Cento
volte" è un brano molto autobiografico, anche se il testo è di Alberto,
ma anche lui ha vissuto negli anni la lontananza da casa, quindi
potremmo definirla una canzone corale, perché parla di tutti noi."
Progetti futuri.
"Progetti futuri, tanti, non bisogna mai smettere di progettare...
sicuramente tanta musica, stiamo già scrivendo nuove canzoni e
chissà che non possa uscire qualcosa di nuovo. Vedremo."

Seguite Roberto Rajmondi sui social
Facebook 
Instagram

martedì 18 giugno 2019

Intervista : Serena Baldaccini, nata sotto il segno dell'arte



Serena Baldaccini

Serena Baldaccini è una artista nel senso molto ampio del termine in grado di comunicare contenuti interessanti. Un piacere parlare con lei per questa intervista in cui la sua personalità eclettica emerge preponderante svelando una persona ricca di valori che condivide con chi ha la fortuna di conoscerla.
Iniziamo l'intervista e scopro che è Lucchese, una città fertile dal punto di vista storico, culturale, musicale e artistico.
Le dico: Serena sei una Visual artist che si esprime con la macchina fotografica ma affermi di non essere una fotografa, come nascono le tue opere definite Fantasy su soggetti reali?
"Premetto che solitamente Fantasy sono opere realizzate completamente in digitale e non sono ciò che realizzo io. Le mie opere sono Fantasy su soggetti reali, il mio mezzo per realizzarle è la macchina fotografica che attraverso l'obiettivo mi permette di fissare lo scatto che diventerà la scena reale su cui intervenire con la pittura digitale e portare a compimento l'opera. I miei scatti hanno bisogno di poca luce, i colori che vengono fuori nell'opera sono estratti con una tecnica mista molto personale, una via di mezzo fra il mondo della fotografia e il mondo del Fantasy che unisce tecnica manuale e digitale."
L'arte è una percezione della realtà, cosa ti sveglia il tuo talento artistico nella quotidiana realtà?
"Sicuramente uno stato emozionale, qualcosa che è fuori e intorno a me che attira la mia attenzione, quasi come se il soggetto mi chiamasse, può essere una foglia o un muro , ad esempio una mia opera è basata sullo scatto di un muro e i colori che ne vengono fuori sono  belli vivaci, la mia curatrice Maria Grazia Todaro gallerista e critica d'arte che recensisce il mio lavoro mette in evidenza l'uso particolare  del colore nei miei lavori. In definitiva è uno stato emozionale che mi provoca una reazione."

Serena Baldaccini

Sei testimonial di Fatality Brand, parlamene?
"Fatality Brand è un marchio di abbigliamento ed accessori che ha scelto me come  testimonial insieme anche ad altri personaggi famosi fra cui Fabio Perversi dei Matia Bazar per i quali è stata realizzata una maglietta limited edition del singolo " È primaveramore" indossata dal maestro in varie situazioni. T-shirt in vendita in vari colori sul sito Fatality Brand. Stefano Padovano è il designer di questo brand giovane, fresco e accessibile molto di tendenza."

Serena Baldaccini

Leggo questa tua citazione tratta dall'articolo sulla testata giornalistica online XXI Secolo, "Io credo che l'arte non nasca dentro di noi, ma che faccia parte di noi.  È nel DNA, un artista non lo si fa, lo si è.  È così che funziona "
Ti chiedo: un artista è consapevole del proprio talento?
" No, non lo è perchè il talento non te lo spieghi, l'artista che lo è e non lo fà,quando realizza la propria opera la guarda con uno sguardo incredulo come se non fosse certo di averla realizzata" le chiedo : ci vuole un occhio esterno per vedere il talento in un artista? "io penso che nessuno abbia questa capacità, nessuno è in grado di definire il talento altrui perchè è un giudizio di gusto e sensibilità personale, non siamo Dio ed ogni individuo recepisce il talento di altri in modi diversi, personalmente in campo musicale percepisco il talento oltre che dalla tecnica dell’artista soprattutto dalla sua capacità di trasmettere emozione ,devo sentire un brivido nell’ascoltarlo, questo è il mio modo di scoprirlo ma come ripeto è un fattore soggettivo che può in tal senso essere contestato"
La tua curatrice Maria Grazia Todaro detiene l’esclusiva delle tue opere è una critica d’arte, gallerista della QueenArtStudio di Padova, come vi siete conosciute? Come è nato questo stretto rapporto di lavoro?
“Il nostro è diventato anche un rapporto di amicizia strettissimo ci siamo conosciute circa cinque anni  fà ma sono stati molto intensi ed è come ci conoscessimo da dieci anni. Maria Grazia è una persona straordinaria, una donna meravigliosa un’artista prima di tutto e una gallerista e critica molto onesta dote apprezzabile in quel tipo di ambiente, lei mi ha conosciuta per un evento ed è lei che ha riconosciuto questa dote artistica in me vedendo delle foto che avevo realizzato per determinate situazioni, lei mi chiese di applicare il metodo su soggetti diversi, io l’ho fatto e le mie opere me le ha portate in mostra a San Pancrazio a Londra, al Louvre, al ballo delle debuttanti a Padova ed in altri ambiti dove lei è presente ed ha scelto di portare le mie opere dopo avere effettuato una selezione fra vari artisti.”

Opera Fantasy su soggetto reale di Serena Baldaccini

Opera Fantasy su soggetto reale di Serena Baldaccini

Conoscendoti potrei affermare che la tua vita è come un vortice che gira intorno all’arte intesa a 360°, ti riconosci in questa definizione?
“Si, il vortice sono io, non quello che mi gira intorno, io sono un ciclone che passa nella vita degli altri velocissima, è difficile starmi dietro”

Serena Baldaccini

Sei general manager della rivista online Almax Star Magazine un progetto che punta completamente sui social network e il web. Il magazine ha un layout innovativo, pieno di colore e calore, fuori dagli schemi, un progetto che porti avanti con la tua più cara amica e socia Alessia Marani della ZataNet. Come nasce l’idea di questa rivista?
“Premetto che sono orgogliosa di avere Alessia come amica, il nostro progetto punta sull’amore che abbiamo per ogni forma di arte con un occhio particolare al mondo della musica. La rivista è sicuramente fuori dagli schemi e non mi sono voluta allineare ai comuni canoni editoriali che mi erano stati consigliati. Sono felice di aver creato un magazine recensito come opera d’arte”

Serena Baldaccini

Il nuovo mondo che si è aperto con la tecnologia digitale e il web può essere considerato una evoluzione della società sia in positivo che in negativo, cosa ne pensi in merito?
“C’è un internet in chiaro e un internet oscuro che cominciamo ora a conoscere per episodi di cronaca brutali, personalmente non amo parlare di questa parte negativa di internet perché gli dà importanza e aiuta a diffondere la parte oscura, io voglio diffondere messaggi di amore e positività quindi mettere in evidenza il bene. Per quello che riguarda il mio lavoro i social network sono una bellissima evoluzione che ci permette di comunicare in tempo reale con tutto il mondo grazie anche alla traduzione istantanea, devo purtroppo ammettere che non tutte le persone sono capaci di gestire i social e rapportarsi ad essi e comportamenti errati o avventati possono provocare serie problematiche.

Serena Baldaccini Tutti dovremmo prestare attenzione ai contenuti che postiamo perché rimarranno nella rete web dando una immagine di noi che innegabilmente sarà giudicata, pensate che le aziende controllano i profili social dei loro potenziali dipendenti. Postare contenuti è come essere in piazza dove tutti ti vedono e ti sentono. Forse dovremmo applicare un decalogo del comportamento corretto sui social, perché tutta questa libertà è dannosa a meno che non tu ti possa permettere il lusso di comportarti come vuoi perché non soggetto ad altri. Personalmente ritengo di saper utilizzare i social e la mia vita privata solitamente non compare, li utilizzo molto per lavoro”
Ho letto che ami particolarmente il periodo storico artistico Rinascimentale, il web può essere considerato un nuovo Rinascimento culturale?

“Assolutamente no, il Rinascimento è un periodo irripetibile e le sue caratteristiche non sono replicabili, questo vale anche per altri periodi storici e anche per il successo, non c’è niente di uguale al mondo, ogni attimo è diverso e la vita è sempre in continuo movimento ed evoluzione. Il web è una evoluzione della comunicazione.”
Serena Baldaccini è Account Executive Manager per Matia Bazar, Project Manager per Thunder Label Germany.

Seguite Serena sui social:

mercoledì 12 giugno 2019

INTERVISTA: FABIO PERVERSI E I SUOI MATIA BAZAR, "È PRIMAVERAMORE"


PH: Mario Genovesi

Il gruppo Matia Bazar riparte con Fabio Perversi che già dal 2017 inizia a lavorare per la nuova formazione ufficializzata a Milano a Gennaio 2018, formazione con maggioranza di quote rosa composta da:
Fabio Perversi tastiera
Luna Dragonieri voce
Fiamma Cardani batteria
Paola Zadra basso
Piero Marras chitarra

PH: Mario Genovesi

Ho avuto una piacevole chiaccherata in cui Fabio mi ha spiegato le sue scelte ed espresso le sue opinioni.
I Matia Bazar sono sempre stati un gruppo prevalentemente maschile in cui spiccava la voce femminile che in diversi anni sono state un valore aggiunto al gruppo grazie ad Antonella Ruggiero, Laura Valente, Silvia Mezzanotte, Roberta Faccani ed ora Luna Dragonieri.

PH: Mario Genovesi

Fabio quali sono le motivazioni che ti hanno portato a scegliere questa formazione?
Mi risponde che la scelta di una maggioranza femminile è dettata "dal rispetto nei confronti dei precedenti artisti della band,Giancarlo Golzi e Aldo Stellita, non volevo creare una formazione che fosse messa a confronto con la precedente, c'è meno concorrenza fra uomo e donna e questo è il principio che mi ha guidato nella scelta, le figure femminili della band hanno portato professionalità e bellezza."
Come hai scelto la nuova voce del gruppo?
"Luna Dragonieri è di Bari, l'ho conosciuta anni fà in un concorso canoro e mi ha colpito subito la sua voce, inizialmente non pensavo potesse far parte dei Matia Bazar ma alla morte di Giancarlo nel 2015 ho dovuto pensare a come proseguire con la band ed ho ripensato subito a lei. 
Dopo vari provini effettuati egregiamente, Luna è stata scelta e contribuisce anche alla stesura dei testi essendo molto preparata dal punto di vista compositivo, ha analizzato diversi brani che sono parte della storia del gruppo e questo le ha permesso di entrare perfettamente in sintonia con il mondo dei Matia Bazar."

PH: Mario Genovesi

Fabio il tuo ingresso nel gruppo risale al 1998, quindi gran parte dei successi della band nata nel 1975 ti appartengono essendone corresponsabile. 
In tutti questi anni ci sono stati cambiamenti ed evoluzioni musicali non trascurando mai la melodia, ora in quale direzione musicale porterai la band?
"continuerò con un approccio musicale melodico armonico con sbalzi melodici e la ricerca della vera melodia italiana, porterò avanti anche la sperimentazione che ha sempre contraddistinto i Matia Bazar in questi quasi 45 anni di vita e che li ha portati all'inizio a proporre un genere musicale più spensierato poi verso sonorità elettroniche negli anni '80, sonorità più rock negli anni '90 e nuovamente pop classico Sanremese nel 2000."

PH: Mario Genovesi

Fabio mi parla dell'ultimo singolo uscito il 26 Aprile 2019 dal titolo
"È primaveramore" e mi racconta che "è un brano scritto insieme a Gino De Stefani, prende spunto da "Solo tu" e "Stasera che sera" ed ha una costruzione armonica melodica con sonorità adeguate ai canoni attuali. Con questo brano ho voluto trasmettere spensieratezza e freschezza per mitigare la negatività dei tempi attuali che si percepisce ascoltando le notizie nazionali ed internazionali."
Continua dicendomi "gli artisti hanno il potere di arrivare al cuore delle persone e cercare di donare un sorriso dato dall'ascolto di una canzone che non sia troppo impegnativa e faccia divertire."

PH: Mario Genovesi

Cosa ne pensi del rap del trap e dei nuovi generi musicali?
"Io non sono molto convinto da questi nuovi generi che indubbiamente ad ora fanno muovere folle e incassi, ma penso non muoveranno la storia" continuando dice "gli artisti e la musica italiana nel mondo è conosciuta per le belle melodie, non voglio dire che ci si deve approcciare solo a questa tipologia musicale, ma importante sarebbe conoscere la nostra cultura musicale che sicuramente non è il rap o il trap che derivano da culture importate dall'America e dall'Inghilterra dove trovano la loro ragione di essere e di espressione per gli artisti che in quel contesto vivono. Secondo il mio punto di vista anche i contenuti di alcuni brani sono discutibili e vorrei fra una decina di anni ricommentare questa nostra intervista e vedere se questi artisti hanno lasciato un segno, glielo auguro".
I Matia Bazar sono uno dei pochi gruppi il cui successo ha passato i confini nazionali per fare letteralmente il giro del mondo, è di Febbraio 2019 il tour fatto in Cile, come è stata questa esperienza per te e per la nuova formazione?
"una bellissima settimana di concerti fra Santiago del Cile e il festival della canzone di San Francisco di Mostazal. Sono rimasto molto colpito dall'affetto della popolazione per l'Italia e la nostra cultura. Ci hanno fatto sentire come a casa nostra. Ci siamo esibiti davanti ad un pubblico di 12000 persone che ci hanno accolto cantando le nostre canzoni regalandoci una grandissima emozione che mi ha fatto capire che il lavoro che stò facendo va nella giusta direzione."

PH: Mario Genovesi

Quale è la tua opinione sui talent? Opportunità o danno?
"Sono una opportunità per coloro che non hanno altre modalità di emergere" continua dicendomi che "nei tempi passati i giovani potevano bussare alla porta di moltissime case discografiche per farsi conoscere ed avere una opportunità di emergere, ora non è più così, le etichette si contano sulle dita di una mano per cui le possibilità si sono ridotte al minimo, i talent offrono visibilità ma sono anche un tritacarne, sono studiati più per rendere visibili i giudici che non i talenti, basti pensare che moltissimi artisti partecipanti allo spettacolo sono caduti nell'oblio appena terminato il talent, ed anche chi ha vinto non sempre ha resistito alla pressione del successo, in circa 20 anni di talent pochi sono gli artisti che ce l'hanno fatta, personalmente ricordo Marco Mengoni, Noemi e Giusy Ferreri."
Utilizzi i social? Ti piacciono?
"Mi piace Instagram ma sono presente anche su Facebook e anche come Matia Bazar siamo presenti sui social."


Seguite Fabio Perversi sui profili Facebook  e qui
Instagram

Seguite Matia Bazar su Facebook 
Instagram 


Le foto sono coperte da copyright e Mario Genovesi me le ha gentilmente concesse per questo articolo

mercoledì 22 maggio 2019

Intervista: Domenico Molino cantautore, "Celtic-soul West-coast" per comunicare speranza e positività


PH: Domenico Molino

Domenico Molino è il tuo nome d'arte?
"Questo è il mio nome anagrafico e anche il mio nome d'arte."
Dove sei nato?
"Sono nato a Milano." 
 Dove vivi?
"Vivo con la mia famiglia nella campagna in provincia di Pavia proprio nel centro fra Milano, Pavia e Lodi."
Leggo in alcune note biografiche che hai 25 anni e da diversi anni suoni strumenti musicali in particolare flauto e pianoforte; quali sono stati o quali sono i tuoi studi o percorsi artistico musicali? 
"Si ho 25 anni, sono nato nel 1993, suono da 15 anni, ho iniziato nel 2004 con il flauto traverso alle scuole medie che avevano un indirizzo musicale e nel pomeriggio due tre volte la settimana facevo lezione di questo strumento e Orchestra suonando un repertorio di musica classica, in seguito come autodidatta ho iniziato lo studio del pianoforte e del canto grazie a delle dritte date da mio padre che è stato ed è un grande musicista, suonava in età giovanile chitarra elettrica, basso in una band rock in Sicilia abbastanza conosciuta. Sicuramente la passione per la musica l'ho ereditata da lui."
Suoni il piano e ami uno stile più moderno rispetto al classico, ci sono pianisti che consideri un punto di riferimento? 
"Per quanto riguarda le mie preferenze fra il classico e il moderno posso dire che non amo molto la musica classica, uno stile che non mi appartiene, sicuramente apprezzo un genere più moderno e in particolare lo stile Folk-rock e Alternative-rock anni '90, comunque mi piacciono gruppi e artisti anche di anni precedenti o attuali. Ascolto molta musica di vario tipo perchè penso sia formativo ascoltare generi diversi. Pianista che considero un punto di riferimento è Ludovico Einaudi che pur facendo musica classica riesce a metterci del moderno e questa miscela si sente ed è molto di impatto, amo l'anima con cui suona e le sonorità che prende." 
Dedinisci il tuo genere musicale "Celtic-soul West-coast", parlamene? Perché hai scelto questa tipologia musicale? 
"Al mio genere musicale non dò un'unica accezione e per questo lo definisco "Celtic-soul West-coast", Celtic-soul perchè amo il sound folk americano e inglese, soul perchè i testi sono abbastanza profondi e riflessivi e tendono a trasmettere un messaggio di speranza, parlano di Dio che per me è la cosa più importante perchè in seguito a delle esperienze che ho avuto per me Dio è la mia speranza e quindi voglio comunicarlo a chi ascolta i miei brani. "West-coast" perchè mi piace molto il sound di questo stile americano che possiamo definire un"alternative-rock". Ho scelto questa tipologia di musica perchè musicalmente mi trasmette tantissimo e mi identifica, la fusione dei miei testi con questo sound stanno bene insieme e sono molto di impatto."


PH: Domenico Molino
PH: Domenico Molino

Ti esibisci da tanto tempo in ambienti Gospel-Evangelico, perché questa scelta?
"Sono più di dieci anni che mi esibisco in questo ambiente, io sono Cristiano Evangelico che non è una religione ma una fede ma preferisco definirmi Cristiano. La scelta di esibirmi in questi ambiti deriva da una mia esperienza fatta con Dio in età adolescenziale, periodo in cui soffrivo di una forte depressione, ogni volta che tornavo a casa dopo una uscita con gli amici la sera mi sentivo vuoto e una profonda angoscia mi assaliva e mi faceva stare male, sin da piccolo ho sempre avuto una sensibilità particolare e questi continui stati d'animo non mi facevano vivere bene, i miei genitori erano già credenti ma a me non importava anche se loro mi parlavano di Dio e del suo amore per me e per ogniuno di noi. Ho continuato a fare finta di niente anche se in fondo sapevo che Dio esisteva fino a quando una sera ho pregato con le mie parole ed ho chiesto a Dio di aiutarmi e liberarmi da questa depressione che avevo e se lui ci fosse stato veramente di farsi sentire, in quel momento ho sentito forte la sua presenza e la pace, ho sentito come un abbraccio e da quel momento non ho più avuto la depressione, ne l'angoscia, la mia felicità era piena non dipendeva più dalle circostanze ne dalle cose che avevo intorno o da quello che accadeva ma era una felicità costante nonostante le difficoltà perchè avevo qualcuno in cui confidare che mi proteggeva ed era al mio fianco , per questo motivo il mio talento l'ho voluto mettere a frutto per Dio e nella chiesa che frequento in cui canto, suono il piano e in un coro Gospel." 
I tuoi testi sono sempre di ispirazione sacra?
"Cerco sempre di trasmettere un messaggio spirituale nei miei testi che faccia bene all'anima delle persone, che porti pace e positività perchè credo che la salute spirituale sia molto importante forse anche di più che di quella fisica, quindi avendo trovato personalmente la pace in Dio quello che voglio è comunicarlo a chi mi ascolta."
Ci sono artisti Italiani o internazionali che ascolti e a cui ti ispiri o vorresti collaborare e duettare su un palco?
"Fra gli Italiani ammiro molto Elisa, mi identifico molto nel suo sound sin dagli anni '90 quando ha iniziato con il suo primo album nel 1997, mi piacciono le sonorità che prende e come usa la voce, posso dire che musicalmente prendo molto spunto da lei. A livello internazionale moltissimi mi piacciono fra cui Radiohead, Eagles, Oasis."
Ti piacerebbe provare nuovi generi musicali?
"Mi piace sperimentare nuovi generi musicali per non fossilizzarmi troppo su un unico genere ma non amo discostarmi troppo dal mio perchè sarebbe snaturare la mia musica, mi piace mantenere comunque almeno un elemento del mio sound riportandolo in uno stile leggermente diverso, fare ad esempio del Pop-rock, Blues-rock, mantenendo quella vena di sottofondo rock che fa da legante a tutti i generi." 
PH: Domenico Molino

Parlami dei tuoi progetti musicali realizzati?
"Fra i miei progetti realizzati c'è un album di cover di gruppi americani e inglesi  con brani del genere Alternative-rock cristiano, collaborando con altri artisti amici presenti in questo album che si chiama "Alleluia" uscito nel 2017 presente in tutte le piattaforme digitali. Il mio primo singolo è uscito a Febbraio 2019 e il titolo è "Al mattino" passato in radio Limitesintonia e presente in tutte le piattaforme digitali. Spero entro un paio di mesi di far uscire il mio nuovo singolo."
Come nasce il tuo brano "Al mattino"?
"Il mio brano "Al mattino" come altri singoli che usciranno sono nati da un periodo di contemplazione di cose semplici che mi circondano e sono intorno a tutti noi che spesso diamo per scontate come l'alba, l'inizio di un nuovo giorno che reputo sia un dono da non dare per scontato, ogni giorno che nasce è la metafora di un nuovo inizio, nella creazione e nella natura io vedo la grandezza di Dio che ha creato tutto l'universo ed ha creato anche me che sono così piccolo rispetto al creato ma sò che se lo invoco lui mi ascolta come dice anche il coro nel brano e questa è stata la mia ispirazione per questo canzone." 



Cosa pensi dei talent? Sono utili alla carriera o un arma a doppio taglio?
"Non sono a favore dei talent perchè io sono un amante dell'anima e della musica con la M maiuscola e i programmi tendono sempre a sfornare dei prodotti commerciali che vendano, quindi devono promuovere degli artisti che vendono, non dico che non diano importanza al talento però spesso ci sono dei talenti veri che vengono scartati a discapito di artisti meno talentuosi ma più commercialmente adatti al target giovanile di adesso. Per un artista un talent può rivelarsi anche una dolorosa delusione."  
I social ti sono utili? Quali utilizzi?
"I social sono molto utili se usati correttamente perchè permettono di farsi notare e di promuovere la propria musica, permettono di raggiungere chiunque in maniera molto immediata essendo alla portata di tutti. Personalmente uso Instagram, Facebook e la mia musica è su tutte le piattaforme digitali come Spotify, Deezer, You Tube ecc."
Progetti futuri?
"Ci saranno in uscita nuovi singoli, continuerò la mia collaborazione con Limitesintonia che reputo una bella realtà genuina." 


Facebook
@domenicomolinofficial
Profilo Instagram: domenicomolino_official


mercoledì 1 maggio 2019

Intervista: J. C. un talento del Rap

PH: J.C.

J. C. è il tuo nome d'arte, suppongo abbreviazione del tuo vero nome Aka Jean Claude.  Leggo in alcune note biografiche che sei nato  nel Ferrarese, dove?
" Sono nato a Codigoro, provincia di Ferrara".
Quanti anni hai ? 
"Ho 24 anni, sono nato nel 1994".
Come descriveresti la tua vita fino ad oggi?
"La mia vita fino ad ora la descriverei incasinata, piena di attività, avventure belle e brutte, momenti tristi, successi meno numerosi degli insuccessi, ma comunque tanto lavoro soprattutto negli ultimi periodi".
Le tue origini domenicane pensi abbiano influito sulla tua musica? 
"La mia metà di sangue latino in genere aiuta sul tempo e sul ritmo, in effetti me la cavo bene anche nel ballo, diciamo che mi permette di sentire il ritmo della musica naturalmente innato".
Ascolti vari generi musicali, Pop, Electro, Reggae, Dubstep, Afro, Rap; il tuo primo inedito "Killer bomb" è un Rap, perché hai scelto di  esprimerti in questo genere? 
Mi  risponde che pur amando anche altri generi musicali ha scelto il Rap perchè è un genere più diretto, con meno filtri in cui la velocità del parlare agevola una maggiore comunicazione di contenuti ed è una tipologia musicale che esprime al meglio la società contemporanea improntata sulla velocità di azioni e veicolazione di contenuti; un genere che esprime anche con l'immagine e l'atteggiamento un modo di essere e pensare.
" Esattamente quello che penso".
 In futuro sperimenteresti altri generi? 
"Certamente si, già in ogni pezzo che faccio inserisco sonorità diverse, esempio in "Killer bomb" ho utilizzato dei ritmi reggae, mentre nel prossimo brano ci saranno suoni più Hip Hop e più marcatamente Rap, nel terzo pezzo in lavorazione le sonorità sono più Dance; il mio modo di cantare sarà sempre improntato sul Rap con ritornelli melodici perchè così mi piacciono i miei brani, cambierà sempre la parte musicale e l'impostazione vocale". 
Segui o hai seguito un percorso di studio artistico musicale?
"Non ho seguito un percorso di studi musicali ma sono un autodidatta, scrivo la mia musica e i testi".


PH: J.C.

Il testo "Killer bomb" è molto  forte, ha origine dal tuo vissuto?
Mi risponde che quello che scrive viene rielaborato e adattato musicalmente, ma trae origine da situazioni o pensieri che appartengono al suo vissuto: " in genere il pensiero interno è tutto mio e quando lo scrivo è perchè sicuramente l'ho provato, l'ho pensato e a volte anche solo per un attimo l'ho pensato e mi è rimasto nella testa ma comumque l'ho vissuto".
Sei cantautore o interpreti anche testi altrui?
"Sono cantautore ma interpreto anche testi di altri", questo "accade con una mia amica con cui mi esibisco in giro nella mia provincia. Con lei interpreto altre canzoni ma preferisco cantare la mia musica" e mi spiega che artisticamente pensa di esprimersi al meglio come cantautore. 
Hai sempre desiderato una carriera musicale? 
"Sinceramente no. Se penso ai miei anni delle medie in cui si faceva musica io la odiavo non mi piaceva" continua raccontando che " soltanto nel periodo dell'adolescenza verso i 16 anni quando ho iniziato ad approcciarmi alla musica ascoltando brani Pop e poi Rap ho anche iniziato a cantare e suonare ed ho capito che riuscivo a esprimermi con il Rap, ho continuato a fare musica, a fare esperienza  ma senza pensare di farne una carriera, solo adesso mi interessa". 
In "Killer bomb" emerge un disagio interiore, sentimenti estremi come autodistruzione, scrivere di questa realtà ti spinge a risolvere questo senso di oppressione, a fare chiarezza nei tuoi sentimenti?
"Killer bomb non è che risolve questa oppressione ma la sdrammatizza, i problemi ci sono pensando ad un futuro molto incerto e realmente brutto, si pensa ad un mondo utopico che così non è, questo mi fa arrabbiare".

Cosa vorresti trasmettere di te ai tuoi fan?
"Vorrei che i miei fan cogliessero nella loro vita le cose che nella mia musica rispecchiano le loro compreso il piacere di ascoltarla".
Nel panorama italiano e internazionale ci sono artisti a cui ti ispiri e con cui ti piacerebbe esibirti?
"La prima persona a cui mi sono ispirato è Fabri Fibra che considero la punta della piramide, poi Emis Killa, Gué Pequeno, Marracash, mi piacerebbe esibirmi con loro ma non mi faccio illusioni. Ci sono voci femminili con cui mi piacerebbe duettare come Giorgia ed Elisa e fra vari artisti con cui mi piacerebbe collaborare anche Marco Mengoni che ha un genere e una voce che mi piace molto". 
Hai mai partecipato a  un casting per un talent?
"Ho partecipato ad un concorso canoro insieme ad una mia amica portando una rielaborazione di un mio brano, anche se non siamo passati comunque è stata una esibizione molto particolare ed unica nel genere". 
Quale opinione hai in merito ai vari form di talent, pensi siano utili realmente alla carriera o possono essere un arma a doppio taglio? 
"Non sono a favore dei talent, non mi piacciono e non li apprezzo per vari motivi" parlando mi spiega meglio il suo pensiero e dice "prendono persone spingendole su un palco senza avere nessuna esperienza e se non hai carattere la tua carriera finisce prima di iniziare, se diventi famoso e comunque non hai alle spalle quella gavetta che gli artisti famosi fanno non sei in grado di sopportare il successo. In definitiva posso dire che i talent attualmente danno visibilità ad un artista ma non sono la soluzione per la sua carriera se dietro non c'è un vero talento e non sempre emerge l'artista migliore.  Penso che tutta questa musica proposta in definitiva penalizzi gli artisti di talento che non hanno la possibilità di entrare in questo meccanismo e finisce per abbassare la qualità della musica proposta al pubblico. Poi alcuni artisti che sono usciti dai talent hanno veramente talento tipo Alessandra Amoroso o Elodie ma sono una minoranza".
Che rapporto hai con i social?
"Sono medio attivo sui social e li utilizzo per pubblicizzare la mia musica e farla sentire, il brutto è che portano via un sacco di tempo, non mi espongo con la mia vita privata ma solo per comunicare le novità a livello musicale, non mi piace essere troppo invasivo postando spessissimo". 
Quali i tuoi social preferiti? 
"Utilizzo Facebook con una mia pagina, Instagram e il mio canale You Tube che sto cercando di riempire con la mia musica".
Progetti futuri?
"A metà o fine Maggio 2019 uscirà una nuova canzone, poi dovrei partecipare a un concorso della mia Regione. Ho in lavorazione un nuovo brano, devo arrivare a 4 pezzi per far uscire un EP. Vorrei fare anche un CD non ufficiale per chi ama la scena Rap underground. Stò pensando anche ad una collaborazione con una cantautrice che è colei che mi fa anche i video e in fase embrionale potrebbe esserci una ipotetica iscrizione a Sanremo".




Seguite J. C. sui social
You Tube 
Pagina Facebook


martedì 2 aprile 2019

Toscana bella ovunque : Oasi Lipu Massaciuccoli Lucca

PH: Michela Vannucci

In una assolata domenica Marzolina abbiamo deciso di portare nostra figlia in un luogo particolare e sicuramente educativo per lei e per noi. La frenetica vita quotidiana in questo luogo si ferma per riprendere i ritmi della natura e far riscoprire il piacere di passeggiare sull'acqua, camminando su ponteggi di legno a palafitta immersi in una distesa di canneti che terminano sulla piatta distesa di acqua del lago di Massaciuccoli in provincia di Lucca.  Il luogo di cui sto parlando è l'Oasi della Lipu che protegge questo piccolo ecosistema lacustre abitato da molte specie di volatili e pesci. Il lago di Massaciuccoli è stato nel secolo scorso luogo di battute di caccia, anche Giacomo Puccini amava l'attività venatoria e questo lago dove aveva anche una splendida villa sulle sue rive. Ad oggi per fortuna l'attività venatoria è stata sostituita almeno in questa oasi dall'osservazione delle specie animali dagli ex capanni di caccia e l'unica cosa che punta gli animali sono gli obiettivi delle macchine fotografiche e dei binocoli. Una rete di camminamenti in legno su palafitte si snoda fra i canneti portando ai capanni di osservazione. La passeggiata si svolge nell'arco di un paio di ore in un ambiente silenzioso in cui ha la parola la natura con il fruscio del vento fra le canne, il battito d'ali di trampolieri o altri volatili e vari rumori di animali nascosti nei canneti. Passeggiando sotto un sole caldo ma piacevole di inizio primavera si arriva ad un boschetto le cui specie vegetali attirano le farfalle e anche in questo periodo dell'anno non è stato difficile vederne alcune. Proseguendo il percorso si attraversano gli orti coltivati dai residenti. Nell'oasi è possibile anche affittare canoe per visitare il lago. Varie sono le possibilità di escursione dell'oasi compresa anche la bicicletta, si possono anche prenotare visite guidate e campi estivi per bambini vi consiglio il sito dove trovare tutte le info e gli eventi organizzati dall'associazione. Ricordo a chi volesse fare una semplice passeggiata che l'ingresso all'Oasi è gratuito.
Consiglio di portarvi una macchina fotografica perchè la magia dei riflessi nell'acqua e il paesaggio incantevole sono fonte di ispirazione per amanti della fotografia. 
                    
Galleria fotografica


PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci










PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci

PH: Michela Vannucci